COLOMBIA -

L’esercito colombiano dichiara di aver eliminato Roman Ruiz, a capo della 18° divisione dei guerriglieri colombiani. Se confermata, la sua morte complicherà i processi di pace in corso a L’Avana

BC COLOMBIA  GUERRILLAS  MATCHER

Vai alla scheda paese Commenta l'articolo (0)

L’esercito colombiano ha dichiarato di di aver ucciso uno dei comandanti del gruppo guerrigliero delle FARC (Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia). Si tratta di Alarcon Machado, meglio conosciuto come Roman Ruiz, suo nome di battaglia. Ruiz era alla guida della 18° divisione delle FARC, operativa nel nord-ovest della Colombia. Sarebbe stato ucciso insieme ad altri quattro ribelli in un raid aereo effettuato dai caccia dell’aviazione colombiana nei pressi della città di Riosucio, nella provincia nord-occidentale di Choco.

 

La notizia non è stata però confermata da altre fonti, il che lascia aperto ancora qualche dubbio sulla morte di Ruiz. Non è la prima volta, infatti, che le forze di sicurezza colombiane lo danno per morto. L’anno scorso la sua uccisione era già stata annunciata per essere poi smentita dal capo della polizia.

 

Ruiz è considerato il braccio destro di Pastore Alape, membro del gruppo dei negoziatori che a L’Avana stanno conducendo le trattative di pace con i rappresentanti del governo di Bogotà.

 

Handout photo of Colombia's President Santos speaking to the media at Marco Fidel Suarez army base in Cali

A metà aprile, dopo l’uccisione di 11 soldati, il presidente Santos 

ha ordinato la ripresa dei bombardamenti contro le FARC

 

Da quando a metà dello scorso aprile le FARC hanno teso un’imboscata a soldati colombiani nella provincia sud-occidentale di Cauca uccidendone undici, i negoziati si sono di fatto interrotti. Il presidente Manuel Santos, che per anni si era rifiutato di acconsentire a un accordo per il cessate il fuoco con i guerriglieri, ha ordinato la ripresa dei bombardamenti contro le loro postazioni. Da allora almeno 40 membri delle FARC sono stati uccisi.

 

A che punto sono i negoziati di pace?

Iniziati nel novembre del 2012, i colloqui di pace sono a buon punto con tre punti chiave su cinque concordati tra le parti: la riforma agraria per una più equa distribuzione delle terre, un piano comune per lo sminamento e l’interruzione della produzione e dei traffici di droga controllati dai guerriglieri per autofinanziarsi.

 

FARC

Iniziato più di mezzo secolo fa, il conflitto tra le FARC e il governo colombiano 

ha causato più di 220mila vittime

 

La scia di sangue che da metà aprile ha ripreso a espandersi su buona parte del territorio colombiano, rischia però adesso di azzerare quanto di concreto finora raggiunto. Così come è destinato ad aumentare il già altissimo numero dei morti causati da un conflitto che si protrae ormai da mezzo secolo. Finora sono stati più di 220mila.