STATI UNITI D'AMERICA -

Come vanno lette le reazioni russe sul rafforzamento dell'armamento militare e nucleare americano? È già finita la luna di miele tra Putin e Trump? O si tratta solo di retorica? L’analisi

U.S. Navy handout image shows Baker, the second of the two atomic bomb tests, in which a 63-kiloton warhead was exploded 90 feet under water as part of Operation Crossroads, conducted at Bikini Atoll

Vai alla scheda paese Commenta l'articolo (0)

 

di Luciano Tirinnanzi

 

 

L’imprevedibile presidente americano, Donald Trump, lo scorso 25 febbraio in un’intervista esclusiva all’agenzia Reuters ha affermato di voler espandere l’arsenale atomico per far sì che gli Stati Uniti restino «in testa al gruppo» delle potenze nucleari. E ha poi rincarato la dose di fronte alla Conservative Political Action Conference (Cpac), il più grande raduno annuale degli attivisti conservatori, affermando quanto segue: «Aumenteremo le spese per rilanciare le forze militari […] Crediamo nella pace basata sulla forza e così sarà» ha sentenziato il presidente.

 

Ora, queste dichiarazioni apparentemente incendiarie, che hanno occupato le prime pagine dei media internazionali, hanno provocato la piccata reazione della Duma, la camera bassa del parlamento russo, che attraverso Leonid Slutsky, capo commissione Esteri, ha replicato a brutto muso: «Se Washington procederà nel suo obiettivo di supremazia nella sfera nucleare, il mondo tornerà alla guerra fredda, con il rischio di una catastrofe globale», chiarendo inoltre che «per ora si tratta di retorica pura. Ma se il budget militare americano verrà aumentato, allora reagiremo».

 

Alcuni commentatori internazionali hanno intravisto in questo scambio di opinioni la fine della luna di miele tra Mosca e Washington. Niente di tutto ciò. La realtà è un’altra, e molto più banale. Vi sono due elementi imprescindibili per spiegare le dichiarazioni di Trump. Il primo riguarda la politica economica nazionale, il secondo la politica estera americana.

 

A military aide carries the "football" as Trump departs the White House in Washington(la celebre valigetta presidenziale con i codici nucleari)

 

La politica economica nucleare

 

Non si può non leggere dietro le parole volutamente roboanti del presidente americano, un fine preciso: la nuova Amministrazione intende tutelare l’industria pesante per mantenere – o, meglio, aumentare – i posti di lavoro in un settore che ha notevolissimi margini di sviluppo come appunto quello degli armamenti. Del resto, anche avere più soldati e più armi, significa più produzione, commercio, manutenzione. E, dunque, lavoro.

 

È questo che intende il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, quando dichiara «gli Stati Uniti non vogliono cedere a nessuno la loro supremazia sul nucleare» o quando Trump afferma di voler creare «il più grande esercito della storia americana». Non si vogliono far risuonare i tamburi di guerra, piuttosto si punta a far risuonare la campana di Wall Street. E la Russia serve solo come proiezione, un’ombra che nasconde ambizioni che poco hanno a che vedere con l’idea di uno scontro muscolare.

 

 

Già all’indomani della vittoria elettorale, infatti, gli analisti finanziari di Morning Star, società d’investimenti finanziari con sede a Chicago (la città di Obama), leggevano così la svolta politica americana: «Le promesse elettorali di Donald Trump rendono felice l’industria pesante […] Il piano del prossimo inquilino della Casa Bianca è quello di alzare in maniera significativa gli investimenti nel settore della difesa. Dai suoi interventi si è capita l’intenzione di aumentare le truppe in forza all’Esercito e alla Marina, di acquistare nuove navi e aerei militari, nonché di rafforzare la difesa missilistica. Impegni che dovrebbero far salire la spesa militare a quota 650 miliardi di dollari nel 2019». Questo andrà a tutto beneficio delle molte aziende di settore, che si caratterizzano per una leva operativa molto elevata e che, vedendo crescere i propri ricavi, di conseguenza aumenteranno gli investimenti e le assunzioni di personale.

 

RTS1087N

 

 

Si potrebbe aggiungere che il nucleare è anche una fonte energetica indispensabile per gli Stati Uniti (il 20% della produzione totale di energia prodotta con 99 impianti disseminati in tutto il paese), o che la torta economica è troppo sbilanciata sul settore terziario (che rappresenta oltre il 70% della produzione economica nazionale e il 76,5% degli impieghi totali), ma la sostanza non cambia.

 

È questa, in estrema sintesi, la scommessa del nuovo presidente: il do ut des trumpiano con l’industria pesante, un patto che punta ad arricchire le grandi compagnie in cambio di almeno 10 milioni di posti di lavoro nei primi quattro anni di presidenza, per un totale di 25 milioni nel prossimi dieci.

 

Non c’è molto altro nelle intenzioni di Trump. Nessuna visione geopolitica. Nessun intento bellicoso. Nessuna “nuova guerra fredda”, se non quella che punta al rilancio economico americano, a spese di tutti gli altri paesi. A cominciare proprio da Cina e Russia, a loro volta protagonisti-antagonisti nei settori dell’industria pesante, dall’acciaio alle armi, dalle infrastrutture allo stesso nucleare.

 

 

NCAA Football: Army vs Navy(Trump presenzia a una partita di football Esercito contro Marina)

 

La politica estera nucleare

 

Ma, per compiere il miracolo, Donald Trump ha bisogno di promuovere una politica estera forte e aggressiva. Ed ecco che la sua strategia passa per simili dichiarazioni altisonanti, che tuttavia servono solo da volano per la vera sfida, quella interna. La volontà del nuovo presidente è tesa unicamente a rinforzare la produzione nei settori più remunerativi del secondario, in particolare l’industria pesante che, rispetto ad esempio a quella tecnologica, produce molti più operai e impiegati della classe media. L’equazione è semplice: più salariati, più futuri elettori. Dov’è in tutto questo la sfida con la Russia? Inesistente.

 

A dimostrazione di ciò c’è la guerra vera, quella che si combatte ad esempio in Siria, dove tra Washington e Mosca è in atto il contrario di una guerra fredda: i primi segni di una nuova e fattiva collaborazione tra americani e russi si sono avuti già ad Aleppo, e ora soprattutto ad Al Bab, nel nord della Siria, dove per la prima volta sono state sperimentate forme di coordinamento operativo sul terreno tra americani e russi, aprendoi cosiddetti de-confliction channels.

 

Il fatto, ufficialmente inedito in questa guerra, è un segnale importante che conferma il nuovo clima nelle relazioni tra la Casa Bianca e il Cremlino, dopo la vittoria elettorale di Donald Trump, e dimostra una volta di più che in politica la retorica è importante tanto quanto l’iniziativa.