MESSICO -

Prosegue la cooperazione tra i due Paesi nel contrasto ai traffici internazionali di droga. L’ambasciata messicana a Roma premia con un’onorificenza il generale di Divisione dei Carabinieri Sabino Cavaliere

Soldiers remove plants from a marijuana plantation near an area known as "El Hongo" on the outskirts of the municipality of Tecate, on the border with the U.S. California state

Vai alla scheda paese Commenta l'articolo (0)

Non solo scambi commerciali e partnership energetiche. La cooperazione tra Italia e Messico continua a produrre risultati rilevanti anche nel campo della sicurezza e del contrasto alla rete internazionale che collega le organizzazioni criminali dei due Paesi.

 

Un rapporto di collaborazione sempre più solido, come dimostra il riconoscimento conferito mercoledì 30 settembre, all’ambasciata messicana a Roma al generale di Divisione dei Carabinieri Sabino Cavaliere. Il generale Cavaliere è stato insignito dell’“Onorificenza al Merito Internazionale della Polizia Federale” per il supporto formativo offerto dalla Direzione Centrale per i Servizi Antidroga da lui diretta alla nuova Divisione della Gendarmeria della Polizia Federale Messicana, corpo impiegato nel contrasto al narcotraffico.

 

IMG_8030

(Stretta di mano tra Gabriel Rosenzweig e il generale Sabino Cavaliere)

 

Il riconoscimento è stato istituito dal governo messicano nel maggio del 2012 per rendere onore alle personalità straniere che si distinguono per la loro cooperazione con la Polizia Federale messicana. A premiare il generale Cavaliere sono stati l’incaricato d’affari dell’ambasciata del Messico in Italia, il ministro Gabriel Rosenzweig, e l’addetto per l’Europa della Polizia Federale, il commissario José Martín Palma López.

 

Nella sua carriera il generale Cavaliere ha ricoperto vari incarichi nell’ambito delle organizzazioni dell’Arma dei Carabinieri. Nel periodo della preparazione al Giubileo del 2000 ha comandato il Gruppo Carabinieri di Roma. Dal 2004 al 2006 è stato comandante provinciale dei Carabinieri di Bari. Successivamente ha retto il Comando della Scuola Allievi Carabinieri di Roma e, a seguito della ristrutturazione ordinativa dei reparti addestrativi, è stato designato comandante della neo istituita Legione Allievi Carabinieri, struttura che ha alle dipendenze le sette Scuole Allievi Carabinieri distribuite sul territorio nazionale. Dal 2009 al 2013 è stato comandante della Legione Carabinieri “Veneto” con sede a Padova. Dal 2014 ricopre il ruolo di direttore del Servizio Antidroga del Dipartimento di Sicurezza Pubblica del ministero dell’Interno.