AFGHANISTAN -

L'Alleanza Atlantica valuta l'aumento di effettivi in Asia Centrale, non considerando i successi molto relativi delle missioni Enduring Freedom, ISAF e Resolut Support. La guerra non vuole finire

U.S. Air Force handout of the GBU-43/B, also known as the Massive Ordnance Air Blast, is launched successfully from a MC-130E Combat Talon I aircraft during a test at Eglin Air Force Base

Vai alla scheda paese Commenta l'articolo (0)

Nella giornata di ieri, 11 maggio, Lookout News ha dato notizia della ferma intenzione dei vertici militari americani di proporre al presidente degli Stati Uniti Donald Trump di accrescere ulteriormente, con l’impegno accessorio degli alleati NATO, la presenza militare occidentale in Afghanistan. Scopo: superare quella che il sottosegretario alla Difesa di Washington, Theresa Whelan, ha definito in una recente audizione parlamentare come la «situazione di stallo» in cui versa il conflitto, tra il governo di Kabul appoggiato e sostenuto dall’occidente e gli insorti talebani che da sedici anni combattono per ripristinare nel Paese un regime rigidamente islamista.

 

Il Pentagono si appresta a chiedere al presidente di proporre al prossimo vertice NATO del 26 maggio di aumentare il contingente internazionale di «3mila o 5mila unità» ritenute sufficienti a migliorare la situazione sul terreno, visto che le forze armate del governo di Kabul non sembrano in grado di contenere in modo efficace le milizie talebane e jihadiste. Infatti, queste continuano a operare indisturbate in tutto il Paese e, solo lo scorso 21 aprile, in uno spettacolare assalto a una caserma di Mazar-i Sharif i talebani hanno ucciso 140 soldati afgani.

 

La richiesta del sottosegretario Whelan appare francamente sconcertante: attualmente, in Afghanistan la missione internazionale Resolute Support, iniziata nel gennaio 2015 dopo il sostanziale fallimento della missione ISAF (International Security Assistance Force), vede impegnati sul terreno circa 13mila soldati di vari paesi NATO, tra i quali 8.400 americani e circa mille italiani.

 

Non si vede come un aumento della forza di poche migliaia di soldati possa ribaltare una situazione, che dopo più di un quindicennio di combattimenti al costo di migliaia di morti – gli americani hanno perso 2.300 soldati mentre solo per l’Italia il costo è stato di 55 militari caduti in combattimento – vede ancora i Talebani e diversi signori della guerra regionali, più o meno indipendenti, controllare ampie porzioni del territorio afghano dalle quali riescono a sferrare offensive improvvise e attacchi terroristici che talvolta colpiscono anche la capitale Kabul.

 

Wife of Sergeant Silvestri reacts as she walks beside flag-draped coffin of her husband at Ciampino Airport near Rome(Ciampino, marzo 2012. La bara del Sergente Michele Silvestri, ucciso in azione nella provincia di Farah)

 

Afghanistan, storia di conquiste mancate

 

Da più di due secoli, gli afghani difendono puntigliosamente il loro paese dalla presenza straniera. Da 1840 al 1920 si scontrarono con l’Inghilterra, che riteneva di poter facilmente estendere il proprio controllo del subcontinente indiano al di là dei confini nordoccidentali del Khyber Pass. Gli inglesi furono duramente sconfitti da una guerriglia sanguinosa contro la quale le loro truppe regolari dimostrarono di essere ben poco preparate. Analoga sanguinosa esperienza è toccata ai russi, che nel 1979 tentarono di imporre a Kabul un governo comunista per poi essere costretti ad abbandonare l’Afghanistan dopo dieci anni e dopo aver perso tra le sue montagne e vallate decine di migliaia di soldati, senza avere minimamente scalfito la struttura tribale del Paese.

 

Dopo l’umiliante sconfitta dei sovietici, dal 1989 l’Afghanistan è stato retto dal governo islamista dei Talebani sotto il comando del Mullah Omar per oltre un decennio: fino al 13 ottobre del 2001, quando Kabul cadde sotto i colpi dell’operazione Enduring Freedom, decisa dal presidente americano George W. Bush in risposta agli attentati dell’11 settembre organizzati da Osama Bin Laden proprio dalle sua base afghana. Dopo la conquista dell’ultima base talebana di Kandahar nel dicembre 2001, i giochi in Afghanistan sembravano fatti e conclusi.

 

Tuttavia, la presenza militare straniera non conseguì mai l’obiettivo di «conquistare il cuore e le menti» degli afghani e i Talebani ebbero gioco facile negli anni successivi nel montare operazioni di guerriglia contro le truppe straniere e contro quelle del nuovo governo di Amid Kharzai, insediato dagli “invasori” occidentali nel 2004. Enduring Freedom, nonostante i suoi costi in termini di vite umane, può essere considerata un successo sotto il profilo militare.

 

I guerriglieri di Al Qaeda, infatti, sotto la pressione continua dei bombardamenti americani, abbandonarono progressivamente il paese, rifugiandosi in Pakistan o recandosi in Iraq per combattere il Jihad dopo l’invasione americana del 2003. In Pakistan si rifugiò anche il loro capo, Osama Bin Laden, dove venne raggiunto e ucciso dagli americani nella notte tra l’1 e il 2 maggio 2011, ad Abbottabad.

 

Video frame grab of Osama bin Laden videos released by United States Pentagon(Osama Bin Laden)

 

La fallimentare missione ISAF

 

Dal punto di vista della lotta al terrorismo internazionale Enduring Freedom può essere considerata un successo essendo riuscita nell’obiettivo di distruggere il centro di comando operativo di Al Qaeda e di eliminare il suo capo, insieme a molti dei vertici militari dell’organizzazione, saldando quindi il conto con gli attentati dell11 settembre.

 

Altrettanto non può dirsi della missione ISAF, lanciata dalla NATO nel 2006 per assicurare la pacificazione del paese e la sopravvivenza del governo di Kabul. ISAF ha visto il dispiegamento sul terreno di circa 100mila soldati americani affiancati da contingenti di 39 paesi (anche la piccola Albania ha inviato una decina di militari), che tuttavia non sono stati in grado né di pacificare l’Afghanistan né di sconfiggere i talebani e le altre formazioni della guerriglia islamista o tribale.

 

Preso atto delle difficoltà insormontabili sul piano politico e militare, la missione ISAF è stata chiusa nel 2015 con il ritiro di gran parte delle truppe del contingente NATO, per essere rimpiazzata dalla missione Resolute Support, mirante ad assicurare adeguati livelli di addestramento alle forze regolari afghane, attraverso l’impegno di un piccolo contingente occidentale. Nell’ambito di Resolute Support, il contingente occidentale non dovrebbe più essere impiegato in operazioni offensive, ma solo ad addestrare i soldati afghani e ad attivarsi solo per autodifesa.

 

Former Afghan President Hamid Karzai and Afghan President Ashraf Ghani walk to attend a ceremony at the Presidential palace in Kabul(L’ex presidente Hamid Karzai e il nuovo capo dello stato Ashraf Ghani)

 

La missione Resolute Support

 

Se questa è la missione attuale del contingente NATO in Afghanistan, diventa incomprensibile la richiesta dei vertici del Pentagono di aumentarlo di poche migliaia di unità: troppo poche per riprendere la guerra contro i Talebani, troppe per i compiti di addestramento di un corpo militare che dopo così tanti anni di guerra dovrebbe comunque essere già esperto e addestrato (i Talebani, dal canto loro, con l’ultimo assalto alla caserma di Mazar-i Sahrif, hanno dimostrato che da soli sono riusciti ad addestrarsi in modo adeguato).

 

La richiesta dei vertici militari americani è pertanto ambigua e abbastanza sconcertante, e potrebbe in realtà sottendere l’intenzione di far compiere al presidente Trump un primo passo verso un’ulteriore escalation in Asia Centrale che, con il sostegno dell’Alleanza Atlantica, tenti di trasformare gli insuccessi degli ultimi sedici anni in una futura – improbabile, vista l’esperienza – vittoria.

 

All’aeroporto di Kabul, un enorme cartello saluta i visitatori con la scritta “Benvenuti in Afghanistan, il paese dei coraggiosi”. E infatti, da due secoli e mezzo gli afghani dimostrano costantemente di essere coriacei e sicuramente coraggiosi. Ora che l’Afghanistan, dopo la sconfitta di Al Qaeda e la morte di Bin Laden, non può essere più considerato un paese-base del terrorismo internazionale (nonostante la propaganda, l’ISIS resta un fenomeno mediorientale e non ha un vero centro di gravità nell’Asia Centrale), forse è venuto il momento di lasciare questo paese al suo destino e alle sue tribù, senza sprecare ulteriori soldi e vite umane in progetti avventurosi che le recenti esperienze dirette hanno dimostrato essere costosi quanto improduttivi.

 

Se Donald Trump, convinto dai suoi consiglieri militari, deciderà di riaprire il dossier Afghanistan, ebbene lo faccia pure. Ma da solo, senza gli uomini e i soldi dei suoi alleati NATO, che hanno già pagato un prezzo molto alto per un’avventura militare che si è dimostrata sterile e improduttiva sia sul piano militare che sotto il profilo politico.

 

Afghan warlord Gulbuddin Hekmatyar speaks to supporters in Jalalabad province(Jalalabad, il signore della guerra Gulbuddin Hekmatyar parla ai suoi supporter)

Di Alfredo Mantici