STATI UNITI D'AMERICA -

Esce il 5 settembre il nuovo saggio edito da Lookout Group in collaborazione con G-Risk e Lookout News. Tutto quello che c’è da sapere sulle elezioni americane e sulla sfida tra Donald Trump e Hillary Clinton

USA VS. TRUMP

Vai alla scheda paese Commenta l'articolo (0)

Dal 5 settembre esce in tutte le librerie ed è acquistabile online il saggio USA VS. TRUMP, edito da Lookout Group in collaborazione con G-Risk e Lookout News (aa.vv., 112 pagine, 7,90 euro).

 

Nel novembre del 2016 l’America voterà il successore di Barack Obama scegliendo come presidente uno tra i due candidati più detestati della storia di questo Paese. Tutti i sondaggi concordano che sei elettori su dieci “non amano” o addirittura “odiano” sia il repubblicano Donald Trump che la democratica Hillary Clinton.

 

Nel 2015, quando Trump decise di “scendere in campo” per la nomination, giornalisti, politologi, esponenti di primo piano del partito repubblicano e tutti i suoi potenziali avversari scommettevano che la sua corsa sarebbe finita alla prima curva del lungo percorso elettorale. Non è andata esattamente così. Perché?

 

USA VS.TRUMP

 

Il saggio – impreziosito da analisi e opinioni del giornalista americano Alan Friedman, dell’ambasciatore del Messico in Italia Juan Jose Guerra Abud, del sinologo Francesco Sisci, dell’americanista Massimo Teodori e di numerosi altri esperti della politica statunitense – riflette sulla figura trasversale e inedita del tycoon newyorchese, indagando le ragioni dietro al suo successo e comparando il programma elettorale repubblicano con quello democratico. Non mancano analisi approfondite su Hillary Clinton e sui dossier più caldi che la prima candidata donna alla Casa Bianca dovrà affrontare da qui al giorno del voto, compresa la scomoda figura di Bernie Sanders. Per entrambi i candidati, schede e approfondimenti per conoscere da vicino le proposte economiche, la politica estera e le chance di vittoria.

 

 

Inoltre, per la prima volta in Italia si dettaglia con chiarezza il sistema di voto americano, dai caucus alle primarie fino ai grandi elettori. Tutti i passaggi della corsa alla presidenza per spiegare come funziona il sistema politico della “più grande democrazia al mondo”.

 

“Sarà una campagna molto brutta e volgare, dove vincerà il candidato che gli americani odiano meno – spiega Alan Friedman nell’intervista pubblicata nel saggio -. A novembre si ritroveranno a votare il minore dei due mali. Questo fa delle presidenziali 2016 la più squallida delle campagne elettorali. Stiamo per assistere a uno spettacolo poco edificante, anti-intellettuale, populista. Non è un momento di grande dignità per questo paese. Perciò, allacciate le cinture perché ne vedremo di ogni…”.

 

Ufficio Stampa LookOut Group

Via Tagliamento, 25 00198 Roma

Tel 06/8549343

Cell. 338 3794898

info@lookoutgroup.com