Sei mai stato bloccato fuori casa tua?

Immagina, sono le 21 di venerdì sera. Il taxi ti lascia appena fuori casa. Sei esausto e non vedi l'ora di stenderti sul divano. Quando raggiungi la tua porta di casa, armeggi cercando di trovare le tue chiavi. Guardi ovunque in borsa e cerchi per vedere se sono in una tasca diversa.

La tua mente inizia a correre e ti chiedi dove hai lasciato le chiavi. Sono al lavoro? Le hai lasciate al bar quando stavi bevendo qualcosa dopo il lavoro con i tuoi amici?

Il fatto è che sei bloccato.

Cosa fai? Chiami un fabbro per farti rientrare.

È uno scenario comune che probabilmente tutti noi abbiamo sperimentato in un determinato momento. È anche qualcosa che diamo per scontato. I fabbri non sono sempre esistiti. Riesci a immaginare di non avere serratura o chiavi?

Fabbri nell'antichità

Il fabbro è una delle professioni più antiche. Si ritiene che sia iniziato nell'antico Egitto e in Babilonia circa 4000 anni fa. Una credenza comune era che le prime serrature fossero piccole e portatili e servissero a proteggere le merci dai ladri che erano comuni lungo le antiche rotte di viaggio. Non è così.

Le serrature allora non erano così sofisticate come lo sono ora. La maggior parte delle serrature erano grandi, rozze e fatte di legno. Tuttavia, sono state utilizzate e lavorate allo stesso modo delle serrature odierne. C'erano dei perni nella serratura, tuttavia, potevano essere spostati solo con l'uso di una grande chiave di legno ingombrante (immagina qualcosa che assomiglia a un grande spazzolino da denti di legno). Questa chiave gigante veniva inserita nella serratura e spinta verso l'alto.

Con la diffusione della "tecnologia" della serratura e della chiave, si è potuta trovare anche nell'antica Grecia, a Roma e in altre culture orientali, compresa la Cina. Spesso si trovava che i ricchi romani tenessero i loro oggetti di valore sottochiave. Indossavano le chiavi come anelli alle dita. Questo ha avuto il vantaggio di tenere sempre la chiave con loro. Sarebbe stata anche una dimostrazione di status e ricchezza. Dimostrava che eri abbastanza ricco e importante da avere oggetti di valore che valeva la pena proteggere.

La serratura più antica conosciuta era tra le rovine dell'Impero Assiro nella città di Khorsabad. Si credeva che questa chiave fosse stata creata intorno al 704 a.C. e assomiglia e funziona in modo molto simile alle serrature di legno dell'epoca.

Quando la rivoluzione industriale arrivò nel XVIII secolo, la precisione nell'ingegneria e nella standardizzazione dei componenti aumentò notevolmente la complessità e la raffinatezza di serrature e chiavi.

La rivoluzione industriale portò con sé nuovi metodi di produzione, il che significava che potevano essere realizzati prodotti in metallo più piccoli e più precisi, con conseguente nuova sicurezza per le serrature. Fu in questo periodo che emersero alcuni dei nomi più famosi della sicurezza domestica, tra cui Linus Yale Senior dall'America. In questa fase, ormai, i perni coinvolti nei progetti di serratura erano diventati più piccoli e più resistenti perché ora erano realizzati con materiali migliori. La capacità di realizzare perni metallici più piccoli e più fini ha portato allo sviluppo di perni di sicurezza, che includevano forme come funghi, bobine o bordi seghettati. Il primo portarocchetto è stato inventato da Linus Yale Junior e ha reso la vita più difficile a chiunque cercasse di scassinare una serratura.

Il servizio di Fabbro Cesano Maderno

Oggi il mestiere del fabbro si è evoluto ma, come anticipato all’inizio, non ha certo perso la sua centralità. Se anche a te è capitato di restare bloccato fuori casa, la prossima volta chiama subito il Fabbro Cesano Maderno: con il suo servizio di pronto intervento h24 7 giorni su 7, saprà risolvere il tuo problema al volo al minor costo possibile.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi