Bisogno di liquidità? Accedi ai prestiti garantiti

Il coronavirus ha creato molti problemi alle Piccole e Medie Imprese, PMI, che purtroppo a causa del calo del consumi hanno visto una notevole riduzione di fatturato e allo stesso tempo si sono ritrovate con impegni economici già assunti. Per ripartire a loro disposizione ci sono i prestiti a fondo perduto, ecco di cosa si tratta e come ottenerli.

 

Cosa sono i prestiti a fondo perduto al 100%

Tra i vari provvedimenti messi a punto dal Governo ci sono i prestiti liquidità che consentono di avere fino a 25.000 euro da utilizzare per aiutare l'azienda a ripartire. La prima cosa da dire è che si tratta di un beneficio riconosciuto a tutte le PMI che ne facciano richiesta, l'importo effettivamente versato dipende dal volume di affari ed è pari al 25% dei ricavi dell'anno antecedente. Per le aziende costituite dopo il 1° gennaio 2019 e che quindi non possono certificare il reddito, c'è la possibilità di provarlo con autocertificazione ed altri documenti che possano provare i ricavi. Questo vuol dire che i 25.000 euro possono essere ottenuti dalle aziende che hanno un fatturato di almeno 100.000 euro. Il fondo ricopre il 100% dei finanziamenti ottenuti, questo vuol dire che se la PMI è nell'impossibilità di restituire il denaro ricevuto, si provvederà alla restituzione tramite il fondo di garanzia. Naturalmente l'incapienza deve essere reale, cioè non si possono occultare i propri ricavi al fine di non restituire le somme.

 

Come richiedere liquidità a fondo perduto

Per richiedere i prestiti liquidità è necessario compilare un modulo, questa fase è molto semplice ed è possibile reperire il modulo presso la banca o sul sito fondidigaranzia.it. La domanda può essere inoltrata tramite qualunque istituto di credito, non è necessario rivolgersi alla banca in cui si ha un conto corrente. Una volta compilato e consegnato alla banca insieme alla copia del proprio documento di identità, la banca procede a inserire la richiesta sul sito internet del Fondo di Garanzia PMI. Il modulo è molto semplice da compilare infatti devono essere inseriti i dati anagrafici di impresa o società, inoltre deve essere corredato da una dichiarazione che il beneficiario dei fondi non è destinatario di provvedimenti giudiziari e che non sono in essere esclusioni inerenti la violazione del codice dei contratti pubblici. Affinché si possa ottenere il contributo devono essere accettate le condizioni di questa tipologia di prestiti liquidità. Il beneficiario deve accettare che il Fondo possa rivalersi sull'azienda nel caso in cui non venga restituito il denaro ricevuto. Questo vuol dire che i soldi vengono erogati al beneficiario, quest'ultimo deve restituirli alla banca, se non riesce il Fondo di Garanzia interviene e restituisce le somme alla banca, ma può rivalersi sul beneficiario, occorre quindi prestare molta attenzione.
Gli aiuti sono disponibili per aziende che contano fino a 499 dipendenti, il potenziale beneficiario deve quindi indicare di rispettare tali parametri, devono infine essere eventualmente indicati quali altri aiuti di Stato sono stati ricevuti.

 

Controlli sulle domande pervenute

Nel modulo deve essere indicato anche il codice Ateco della propria attività e devono essere indicate le finalità per le quali si intendono utilizzare i soldi, le possibilità sono però ridotte, infatti occorre precisare se i fondi sono utilizzati per l'acquisto di scorte, il fido per l'anticipo delle fatture oppure il semplice bisogno di avere liquidità.
Prima di ottenere i prestiti liquidità le domande sono sottoposte a controllo sia da parte della banca, sia da parte del Fondo. Quest'ultimo può disporre anche accertamenti ulteriori rispetto al semplice riscontro formale inerente la regolarità della richiesta presentata e in caso di abusi sono previste delle pene. Per evitare problemi è possibile rivolgersi a Consulenza Legale Italia che assiste i clienti nelle varie fasi con consulenze personalizzate con pareri legali e approfondimenti su temi di diritto ed economia. Il sevizio è curato da esercenti professioni legali.

Pensi che la tua azienda possa rientrare tra quelle che hanno diritto a prestiti liquidità? Non ti resta che chiedere l'accesso al Fondo di garanzia per le PMI.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi