Corea del Nord, forte carenza di cibo, in aiuto arriva Seoul

In Corea del Nord c’è una grave carenza di cibo, si stima che il 40% della popolazione della Corea del Nord, non ha abbastanza cibo. A lanciare l’allarme sono la FAO e il programma alimentare mondiale WFP. Anche la Corea del Sud ha fatto un appello, per mezzo del portavoce del ministero dell’Unificazione, nel quale s’afferma che è “Necessario intervenire, sia da una prospettiva umanitaria che in qualità di compatrioti”.

La carenza di cibo

Seoul corre in aiuto di Pyongyang

La Corea del Sud nonostante le rassicurazioni di Pyongyang, ritiene che ci sia una fortissima carenza di cibo nel paese. Per questo auspica un intervento esterno, anche se i media locali parlano di un forte calo del prezzo del riso, alimento principale della dieta delle regione. Il portavoce del ministero per l’unificazione Lee Sang-min, ritiene che la Corea del Nord da sola non possa agire per migliorare le proprie condizioni.

Secondo Asianews, media solitamente molto affidabile, il costo dei cereali in generale, non solo del riso, è in forte decrescita. Questo sembrerebbe suggerire che la crisi alimentare tanto temuta, potrebbe essere scongiurata. Al contrario le agenzie delle Nazioni unite ritengono alquanto probabile che Pyongyang non sia in grado di gestire i problemi del proprio paese. Seoul concorda con queste previsioni più catastrofiche “Riconosciamo la valutazione stilata dal Programma Alimentare Mondiale (Wfp) e dall’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura (Fao) come indicatori ufficiali ed obiettivi”

Corea del nord

La pressante crisi della produzione agricola

La Corea del Nord è in forte crisi, ma il comparto agricolo ne vive una ancora più terribile dal 2008 e ora ha la produzione più bassa degli ultimi anni. A tal proposito il portavoce ha proseguito dicendo “Data la natura del regime nordcoreano si ritiene che vi siano molti limiti alla stima della situazione alimentare con indicatori di mercato diversi dai prezzi ufficiali o quelli forniti da organizzazioni ufficiali. La nostra posizione rimane invariata è necessario fornire cibo, sia da una prospettiva umanitaria che in qualità di compatrioti”.

A conferma di questa crisi, ci sono i dati rilevati all’inizio di questo mese, durante una visita dei funzionari della Wfp e della Fao. La produzione agricola del 2018 è la più bassa degli ultimi 10 anni. Secondo le stime almeno il 40% della popolazione, circa 10 milioni di persone, hanno forti problemi a reperire cibo. Seoul invia annualmente delle donazioni di cibo ed è stata spinta dal direttore esecutivo del Wfp David Beasley, a incrementarle.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi