Meteorismo intestinale: quando la causa è la celiachia

Si tratta di un sintomo gastro-intestinale tra i più delicati e fastidiosi, foriero di imbarazzi e disagi, che inoltre può spesso diventare doloroso e invalidante: si tratta del meteorismo intestinale, ovvero dell’accumulo anomalo di gas all’interno del tratto digerente. Quel che è certo è che alla base di questo disturbo vi è normalmente una serie di errori comportamentali, legati ad abitudini e stili di vita scorretti, a loro volta causa di anomalie nel regolare espletamento delle funzioni dell’intestino. Quello che invece a volte si sottovaluta è che tra le principali cause del meteorismo intestinale può comparire anche la celiachia, l’intolleranza permanente al glutine. In questo articolo cercheremo di capire qual è la connessione, e cosa fare per limitare i disturbi che ne conseguono: in particolare, cercheremo di far luce su come trattare il meteorismo che deriva dalla celiachia, sia attraverso l’alimentazione, sia per mezzo di accorgimenti specifici che – nella maggioranza dei casi – attenuano l’intensità delle manifestazioni del malessere intestinale.

L’alimentazione e il meteorismo: un binomio molto stretto

La dieta ha un’enorme influenza sull’insorgenza del meteorismo, così come sul vigore dei singoli episodi. A prescindere dal legame con la celiachia, infatti, l’alimentazione è uno dei fattori principali che determinano modi, tempi e violenza con cui i disturbi intestinali si manifestano. D’altro canto, bisogna precisare che è molto più complesso dimostrare l’efficacia di una specifica dieta contro il meteorismo nel momento in cui non se ne conoscono le cause. Inoltre, è bene tener presente che il fenomeno del meteorismo è spesso difficile da quantificare: in molti casi è il paziente stesso che dà una misura del proprio malessere, una misura che inevitabilmente si basa su una percezione estremamente soggettiva (questo caso è ancora più significativo quando non si manifestano eruttazioni evidenti). Fatte le dovute premesse, cerchiamo di capire più a fondo il legame del meteorismo con gli agenti che lo scatenano.

Meteorismo: cosa fare ai primi sintomi

Senza ombra di dubbio, la prima cosa da fare quando si nota un comportamento anomalo nelle funzioni intestinali è quella di ricorrere al parere medico di uno specialista (un gastroenterologo e/o un nutrizionista), che possa esaminare il caso in tutte le sue specificità e sviluppare – se necessario – una terapia adeguata. Ogni individuo ha un organismo complesso e particolare, che merita un parere “su misura”. Tuttavia, ci sono alcune operazioni “dettate dal buon senso” che si possono mettere in pratica per avere una maggiore consapevolezza di sé e del problema.

Per prima cosa, è bene cercare di verificare le cause del meteorismo, in modo da poter adottare una strategia adeguata. A tal proposito, è bene partire dall’esclusione di malattie e condizioni patologiche dell’intestino, come la comunissima sindrome del colon irritabile o varie malattie infiammatorie croniche del tratto intestinale. Se il problema persiste, allora è il caso di escludere le cause che dipendono da un cattivo stile di vita (ansia e stress) e da un’alimentazione non appropriata alle necessità di un “intestino sottosopra”:

  • pasti troppo veloci e masticazione approssimativa;
  • alimentazione sbilanciata verso grassi e zuccheri complessi;
  • scarsa o eccessiva idratazione;
  • consumo smodato di bevande alcoliche e fumo; ecc.

Meteorismo e intolleranze alimentari: la celiachia

Come accennato, spesso il meteorismo non è causato da nulla di tutto ciò, bensì dall’intolleranza o dalla ridotta tolleranza verso determinate molecole. Può essere il caso di sostanze come l’istamina o il lattosio; in altri casi invece il responsabile è da rintracciare nel glutine. Il modo più efficace per determinare la dipendenza tra meteorismo e celiachia è proprio quello di eliminare dal proprio regime alimentare gli alimenti che contengono glutine – almeno per un paio di settimane – e verificare eventuali cambiamenti nei comportamenti intestinali. Se i sintomi del malessere scompaiono e il meteorismo diminuisce sensibilmente, le probabilità che i due disturbi siano correlati sono decisamente alti. Affinché la prova sia efficace, però, è necessario non solo eliminare gli alimenti che contengono glutine o lattosio, ma anche escludere qualsiasi alimento venuto a contatto con essi in modo da scongiurare qualunque possibilità di contaminazione crociata.

Quando la causa è la celiachia: cosa fare

Appurato che la causa del meteorismo risiede nella celiachia, l’unica cosa da fare è continuare a evitare alimenti che contengono glutine. Ad oggi, infatti, questa è l’unica terapia efficace in situazioni del genere. Nel caso della celiachia, in effetti, lo stato di infiammazione intestinale indotto dall’assorbimento del glutine – specialmente se in situazioni che si protraggono a lungo – può indurre a fenomeni di meteorismo sempre più intensi con il passare del tempo. Inoltre, disturbi lievi possono sfociare in patologie più severe: per cui è altamente consigliato non sottovalutare l’intolleranza e, pazientemente, riconvertire il proprio stile alimentare dietro consiglio del medico di fiducia.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi