Ogni quanto andrebbe cambiato un materasso?

Ci sono alcuni oggetti che tendiamo a considerare eterni e il materasso è uno di questi. Siamo convinti che, una volta acquistato, non dovremo mai più sostituirlo; ce lo portiamo dietro di casa in casa pensando che sia sempre lo stesso oggetto comprato anni e anni fa. La verità è che ci sbagliamo. Un materasso può durare a lungo, è vero, ma col passare degli anni andrà via via perdendo le caratteristiche che lo rendevano perfetto per il tuo riposo.

Se sei arrivato a chiederti “ogni quanto andrebbe cambiato un materasso?” vuol dire che, molto probabilmente, quel momento è arrivato: se ti svegli con indolenzimenti qui e lì o mal di schiena, forse avresti dovuto cambiarlo già qualche mese – o anno – fa. Per toglierti tutti i dubbi, ecco una piccola guida che ti aiuterà a capire se è davvero arrivato il momento di sostituirlo.

 

Quanti anni dura un materasso?

La domanda più immediata è ovviamente: “quanto può durare un materasso?”. La risposta semplice è che la durata media va dai 6 ai 10 anni. Ma in realtà è evidente che esistano tante variabili che bisogna considerare, innanzitutto la tipologia.

  • Materasso a molle: 7-9 anni. Per un materasso a molle, che siano insacchettate o classiche, il fine vita dipende dal deterioramento del metallo interno che a lungo andare perde elasticità e resistenza.
  • Materasso in lattice: 10 anni. Nel lungo periodo si possono creare punti di rigidità e un materasso in lattice perde la sua elasticità, e le sue proprietà ergonomiche.
  • Materasso memory: 8-10 anni. Anche qui, a lungo andare, un materasso in memory perde quelle che sono le sue caratteristiche principali di adattabilità alle linee corporee.

 

Altri fattori che influenzano la durata di un materasso 

La tipologia del vostro materasso non è l’unica variabile da considerare per capire quando sostituirlo. Esistono infatti altri fattori che possono influire sulla durata:

  • la corporatura dei proprietari e la loro tendenza di muoversi durante la notte;
  • la manutenzione;
  • e, ovviamente, la qualità del materasso!

 

5 indizi per capire se il materasso è da sostituire 

Ecco un elenco con 5 indizi pratici per capire se il tuo materasso è giunto alla fine della corsa:

  1. Il materasso inizia a cedere. Hai notato che il tuo materasso, dopo averci passato la notte, fatica a riprendere la sua forma standard? Che sia in Memory o meno, se l’avvallamento creato dal tuo corpo durante la notte non si ristabilizza in tempi rapidi è un chiaro segnale che il materasso inizia a perdere colpi.
  2. Dolori o indolenzimenti al risveglio. Ti capita di alzarti dal letto e provare una sensazione di indolenzimento, o veri e propri dolori muscolari al collo, alla schiena, o alle spalle? La buona notizia è che non sono dovuti semplicemente al fatto che stai invecchiando, come probabilmente hai pensato! Potrebbe essere che il tuo materasso non fornisca più il giusto supporto al tuo riposo. Non abituarti a questi dolori: sostituire il tuo materasso potrebbe farli sparire.
  3. Il materasso cigola. Se muovendoti sul tuo materasso hai iniziato a sentire dei fastidiosi cigolii, sicuramente avrai dato la colpa alla rete del letto. Beh, non è sempre così. A volte il rumore dipende dall’invecchiamento del materasso. Accade soprattutto ai materassi a molle non insacchettate: queste con il tempo iniziano a sfregare tra loro e generano rumori simili a scricchiolii o allo stridio di una porta.
  4. Il materasso emette cattivi odori. Può sembrarti strano, ma il tuo materasso, con il passare del tempo, può diventare terreno fertile per la propagazione di muffe e funghi. Il processo può essere tanto più rapido, quanto più la nostra abitazione è soggetta a umidità. Se annusando il nostro materasso sentiamo un odore sgradevole, potrebbe essere arrivato il momento di cambiarlo.
  5. Allergie notturne. Come detto in precedenza, a lungo andare, il materasso può diventare luogo di proliferazione di muffe e funghi, nonché di acari della polvere. Se soffri di allergia e hai notato un peggioramento le ore notturne, il problema potrebbe essere proprio sotto di te. Per il tuo futuro materasso, abbi cura di scegliere un modello anallergico e antiacaro.

Questi 5 campanelli d’allarme sono una linea guida, semplice ed efficace che ti permette di capire se il tuo materasso va ancora bene per te, o se ti converrebbe valutarne la sostituzione. Sono tante le cose a cui possiamo rinunciare, ma la salute non è una di queste e il materasso va a braccetto con il nostro benessere!