Postura e correttori posturali: come scegliere quello che fa per te

A causa dei telefoni cellulari e delle lunghe giornate seduti su una sedia da ufficio, mantenere una buona postura è più difficile che mai. Ma cos'è esattamente una "cattiva" postura, e come fai a sapere se hai bisogno di intervenire sulla tua postura per correggerla?

 

Cosa significa a vere una buona postura

Per cominciare, una "buona" postura si verifica quando i muscoli del corpo sostengono lo scheletro in un allineamento che è sia stabile che efficiente dal punto di vista energetico. Nel tempo, fattori come le abitudini quotidiane, l'esercizio fisico e persino la scelta delle scarpe possono influire sulla postura. La cattiva postura può essere genetica o causata da lesioni, o semplicemente la forza di gravità che agisce sul corpo mentre ci si muove ripetutamente con movimenti che non supportano l'allineamento naturale del corpo. Poiché la postura è tutta una questione di forza muscolare sullo scheletro, la soluzione migliore è allenare quei muscoli in modo che possano sostenere il corpo nel suo allineamento naturale. Anche se sta a voi fare il lavoro, potete usare i correttori posturali per aiutare a guidare il vostro corpo verso la sua posizione naturale. È impossibile sostenere una buona postura delle spalle e del collo se i muscoli del nucleo sono deboli ed è difficile ritrarre le spalle se i muscoli del petto sono tesi. Ecco perché dispositivi posturali dovrebbero essere parte integrante di un programma per il raggiungimento di una postura ottimale.

 

Cosa ricercare in un correttore posturale

 

Usabilità

Sembra ovvio, ma dovreste comprare un correttore posturale che potete effettivamente usare. Questa usabilità si basa su diversi fattori, tra cui il peso, la regolabilità e la praticità. E’ sempre bene porsi una serie di domande per stringere il cerchio sulla tipologia di dispositivo da acquistare:

  • Si può indossare il correttore posturale sotto i vestiti?
  • È pesante sul vostro corpo? È ingombrante o scomodo sotto le ascelle?
  • Il dispositivo è regolabile? Cosa succede se si perde o si aumenta di peso?
  • Ti sostiene veramente? (Se siete molto muscolosi, un dispositivo leggero o fragile potrebbe non essere abbastanza forte).

Se si acquista un prodotto troppo ingombrante, restrittivo o non regolabile, è probabile che lo si lasci nell'armadio. Se non potete usarlo non vi darà evidentemente nessun beneficio.

 

Correzione e posizionamento

Il correttore posturale ideale da scegliere dovrebbe incoraggiare la correzione attiva, non il posizionamento passivo. Che cosa significa questo? Che avete bisogno di riaddestrare il vostro corpo a posizionarsi correttamente: sono i vostri muscoli a dover regolarsi e riallineare le linee del corpo, non il dispositivo. E’ bene andare alla ricerca di qualcosa che vi ricordi di correggere la vostra postura piuttosto che un dispositivo che vi costringa o vi tenga in una posizione specifica.

 

Focus del supporto

Poiché diversi stili di correttori posturali si rivolgono a tipi specifici di postura scorretta, dovreste passare un po' di tempo a osservare i vostri punti deboli della postura prima di scegliere un particolare correttore. Ti incurvi dalla parte bassa o alta della schiena? Ti incurvi sulla tastiera con il petto e le spalle? Dove notate che la vostra postura diminuisce di più, quando siete al tavolo della sala da pranzo o nella vostra poltrona reclinabile? Conoscere questi dettagli vi aiuterà nel processo decisionale in quanto avrete una migliore comprensione di quale prodotto può soddisfare le vostre esigenze.

 

Esigenze di terapia fisica

Un correttore posturale da solo spesso non è sufficiente per correggere i problemi cronici: la maggior parte delle persone trae beneficio da questi dispositivi quando sono usati insieme a trattamenti di terapia fisica. Una buona postura dipende da muscoli forti e flessibili, non da un dispositivo esterno. Se non riscontrate alcun beneficio dopo settimane di utilizzo o non sperimentate alcun cambiamento dopo averlo provato, consultate un fisioterapista o un altro professionista della salute. Potresti aver bisogno di una valutazione completa o di un piano di trattamento per correggere la radice del tuo problema.

 

Ok Shoulder, il miglior correttore posturale

In commercio ci sono veramente tantissime tipologie di correttori posturali, ma quando si tratta della salute della tua schiena non dovresti affidarti ad un correttore posturale qualunque o a quello più economico. Ok Shoulder è l’originale correttore posturale, il più venduto in assoluto, che possiede una usabilità perfetta sotto tutti i punti di vista oltre che avere una vestibilità molto comoda. Fascia la schiena ed il torace in modo da dare supporto e sostegno ma al tempo stesso permette un piccolo margine di movimento che ti consente quei margini di movimento tali da poter rafforzare pian piano i tuoi muscoli. Immediatamente avvertirai un senso di sollievo alla schiena, come se non stessi più portando il peso di un macigno sulle tue spalle: la schiena appare istantaneamente più dritta e con il tempo conserverai la postura corretta anche senza l’ausilio del dispositivo.

Recensioni ed approfondimenti sull’utilizzo di Ok Shoulder li trovi qui, dove potrai anche acquistarlo in promo speciale.

 

Domande frequenti sui correttori posturali

I correttori posturali sono sicuri?

Se lo usi correttamente, un correttore posturale non dovrebbe farti male in alcun modo, ma questo non significa che sia totalmente privo di rischi. Non sono una soluzione permanente ai problemi cronici. I correttori posturali sono generalmente sicuri, tuttavia un uso eccessivo di un dispositivo come questo può causare atrofia dove i muscoli si abituano al supporto del dispositivo e si indeboliscono per mancanza di uso.

 

Per quanto tempo si dovrebbe indossare un correttore posturale?

Dipende dal dispositivo (alcuni possono essere indossati più a lungo di altri) e dalla vostra familiarità con il dispositivo stesso. Una regola generale per questi dispositivi è quella di iniziare con 15-20 minuti al giorno e aggiungere più tempo, fino a 30 minuti o un'ora al giorno, fino a quando il corpo si abitua al suo corretto posizionamento.

 

I medici raccomandano i correttori posturali?

I correttori posturali sono spesso raccomandati per i pazienti con lievi casi di disallineamento: in altre parole, se hai un dolore generale al collo, mal di schiena o mal di testa, o la tua postura è notevolmente inclinata, un correttore posturale può aiutarti a riqualificare i tuoi muscoli in un allineamento più sano. Se hai problemi più gravi, però, o senti di aver bisogno di una valutazione personalizzata per capire che tipo di dispositivo dovresti usare, è meglio vedere un medico prima di acquistare un dispositivo per conto tuo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi